Ritmi napoletani e arte marocchina al Centrum Sete Sóis Sete Luas di Pontedera

News

Venerdì 24 Gennaio 2020 alle ore 21.30 il Centrum Sete Sois Sete Luas di Pontedera avrà il piacere di ospitare, in prima nazionale fino al 29 Febbraio, la mostra  “Spazi, atmosfere e colori di Essaouira Mogador” che vede l’esposizione di tre fra i più noti pittori della città azzurra di Essaouira.

Fatima Bikerrouane, Slimane Drissi e Mohamed El Mountassir attraverso i giochi di colori e l’utilizzo di tecniche e materiali diversi faranno compiere allo spettatore un viaggio tra i colori e i luoghi della città marocchina.

Fatima Bikerrouane usa la pelle di capra come tela per esprimere il suo profondo simbolismo.  Un supporto profondamente emblematico e allusivo del legame antico tra l’uomo e la natura, che riflette il doppio significato storico e artistico delle sue opere.
Le tele “aperte” di Slimane Drissi, ispirate agli spazi notturni della città, rivelano una pittura che mescola materia e materiali, bianco e nero, spazio e tempo della mitica città di Essaouira.
Mohammed El Mountassir usa la calligrafia, usa le lettere che formano le linee, i codici, le misure e le regole per danzare sulle tele con le sue forme e i suoi colori. La sua è un’arte ispirata al potenziale infinito dell’immaginazione così come alla profondità della meditazione.

La serata inaugurale proseguirà con la musica coinvolgente di Carlo Faiello che presenterà sul palco del Centrum Sete Sois Sete Luas il concerto “Argiento Vivo” durante il quale proporrà brani di sua composizione, dove le sonorità tradizionali diventano linguaggio contemporaneo, in un “continuum” che appartiene alla grande storia della canzone napoletana, colta e popolare. Carlo Faiello compositore, cantautore, ricercatore, diplomato al Conservatorio di Napoli in contrabbasso, nel corso della sua carriera, ha collaborato con artisti importanti tra cui l’orchestra di Roberto De Simone e la Nuova Compagnia di Canto Popolare, ha partecipato al Festival di Sanremo come autore vincendo il premio della critica ed ha composto testi e musiche per i progetti discografici di Roberto Murolo e di Lina Sastri, oltre a pubblicare nel 2001 il disco “Le danze di Dionisio” che gli ha permesso di suonare nei più importanti festival europei ed italiani. Celebre anche la sua partecipazione nel disco della grande Amalia Rodrigues dedicato alla musica napoletana.

Una serata particolare in cui artisti provenienti da mondi differenti si incontrano e si intrecciano creando un’esperienza unica.

Gallery:

Subscribe

* indicates required
/ ( mm / dd )

Please select all the ways you would like to hear from festivalsssl:

You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.